• Istituto Scolastico San Carlo
    Da vent’anni l’Istituto Scolastico “S. Carlo”esperti del settore aeronautico.
  • Metti le ali al tuo futuro
    Da diversi anni l’Istituto Scolastico S. Carlo collabora attivamente con le maggiori aziende ed enti del territorio italiano ed europeo.
  • Evoluzione a livello internazionale
    Considerata la continua evoluzione a livello internazionale delle attività connesse con il mondo aeronautico, a partire dal 2011 presso la sede dell’Istituto è stato attivato il corso di formazione di base di Cat. B1.1

DIVENTARE PILOTA

LA PROFESSIONE DI PILOTA

Il Pilota è il titolare di una licenza aeronautica che consente di pilotare aeromobili civili in base alle qualifiche di cui è in possesso (abilitazioni). Esistono diverse tipologie di Licenza: pilota privato (PPL), pilota commerciale (CPL), pilota di linea (ATPL).   Immagine 2013In considerazione della licenza conseguita è possibile svolgere l’attività di pilota come professione (Licenza di Pilota di Linea di Velivolo o Elicottero, Licenza di Pilota Commerciale di Velivolo o Elicottero) o a scopo ricreativo/sportivo (Licenza di Pilota privato di Velivolo o Elicottero, Licenza di Aliante, Licenza di Aerostato). Le Abilitazioni conseguite sono riportate sulla licenza poiché indicano la o le diverse tipologie di aeromobile che il pilota è autorizzato a pilotare. Le attestazioni sono rilasciate al termine di corsi di addestramento teorico-pratico che variano in considerazione del ruolo svolto dal pilota e del posto di pilotaggio assegnatogli a bordo dell’aeromobile.

COME SI DIVENTA PILOTA

Requisito essenziale e imprescindibile per intraprendere la strada di pilota è l’idoneità psico-fisica certificata dall’Istituto Medico Legale dell’Aeronautica Militare o da un ambulatorio della Sanit&#225 Marittima del Ministero della Salute.

Per diventare pilota di velivolo o di elicottero occorre seguire un corso, composto da una parte teorica e da una parte pratica in volo e/o su un simulatore di volo presso una scuola di volo certificata o approvata da Enac. La licenza si ottiene solo a seguito di un esame teorico-pratico svolto presso l’Enac.

 

IL PRIMO STEP: La Licenza Di Pilota Privato (PPL)

E’ possibile conseguire la Licenza di Pilota Privato (PPL), già a partire dal biennio. A tal proposito, l’Istituto ha stipulato apposita Convenzione con un’importante Scuola di Volo del territorio per permettere agli studenti interessati di conseguire la Licenza e iniziare così il cammino verso la carriera di pilota civile.

L’Istituto si occupa di fornire il materiale necessario per il corso e della organizzazione/prenotazione delle visite mediche presso l’Istituto di Medicina Legale “Angelo Mosso” di Viale dell’Aviazione 1 bis, 20138 - Milano, ai fini dell’accertamento dell’idoneità psico-fisica del candidato.

La Parte Teorica: Il Corso In Aula

Il Corso prevede una parte teorica che verte sulle  seguenti discipline: Air Law, Aircraft General Knowledge, Flight Performance and Planning, Human Performance and Limitations, Meteorology, Navigation, Operational Procedures, Principles of Flight, Communications, Flight Safety Conceptsper un totale di 150 ore in aula. Le lezioni si svolgono presso la sede principale dell’Istituto il sabato mattina e un pomeriggio a settimana. Gli orari precisi vengono concordati dai docenti e comunicati agli studenti all’inizio del corso teorico. 

Accertamento Delle Conoscenze Teoriche: Il Test Finale

A conclusione del corso, il candidato potrà accedere all’esame teorico finale  che consiste in un test a risposta multipla e che verte su tutte le materie oggetto del corso.  L’Esame è tenuto a cura dell’Autorità Competente – in Italia ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile). Il superamento dell’esame teorico è condizione necessaria e fondamentale per poter accedere all’esame pratico finale (comunque possibile solo dopo aver completato le ore di volo previste*).

La Parte Pratica: Le Ore Di Volo E La Valutazione Finale

La parte pratica, da svolgersi presso la Scuola di Volo convenzionata, consta di 45 ore di istruzione in volo*; effettuate le prime 12 ore, sarà possibile, previa autorizzazione del flight instructor, il primo volo da solista, al termine del quale viene rilasciato l’ “Attestato di Allievo-Pilota”. L’esame pratico viene effettuato, a cura dell’Autorità Competente, presso la Scuola di Volo.

La Licenza di Pilota Privato viene, quindi, rilasciata a seguito del superamento dell’esame teorico e dell’esame pratico.

 

REFERENTE:   Prof.Ssa Adriana Di Bella 
CONTATTI: Adri_d_bella@Hotmail.It
 

 

La frequenza al corso volto all’ottenimento della Licenza di Pilota Privato dà diritto all’acquisizione dei crediti formativi ai fini del conteggio finale  in sede di Esame di stato.

 

 

DIVENTARE TECNICO MANUTENTORE DI AEROMOBILI

La continua evoluzione delle attività connesse con il mondo aeronautico comportano, per gli operatori del settore, la necessità di disporre di professionalità altamente specializzate. A fronte della crescente offerta di lavoro nell’ambito della manutenzione degli aeromobili, l’Istituto Scolastico “S.Carlo” ha attivato il “Progetto-Parte66” volto all’erogazione di servizi di formazione di base per l’ottenimento della Licenza di Manutentore Aeronautico, LMA,  per le Cat. B1.1 (Aeroplani a turbina) e Cat. B1.2 (Aeroplani a pistoni). Immagine 2013Con ilProgetto-Parte66″, rivolto agli studenti già diplomati,  l’Istituto Scolastico “S.Carlo” si impegna a rispondere a due esigenze: (a) offrire a tutti gli interessati la possibilità di diventare Tecnici Aeronautici qualificati secondo gli standard europei; (b) rendere disponibili alle imprese del settore tecnico aeronautico italiano ed europeo un serbatoio di risorse qualificate nell’ambito dello staff  di produzione e manutenzione con la certezza di trovare personale qualificato che abbini alla capacità professionale, la conoscenza e l’assimilazione dei principi e dei comportamenti organizzativi aziendali.

 

COSA DICE LA NORMATIVA EUROPEA

A seguito dell’entrata in vigore del Regolamento Europeo no 2042/2003 del 20 Novembre 2003, il Personale addetto alla Certificazione (Certifying Staff) operante nelle Organizzazioni di Manutenzione degli aeromobili approvate in conformità dell’ Annesso II (Parte-145) e nelle Organizzazioni di Manutenzione per il mantenimento della Continua Aeronavigabilità (CAMO), approvate sulla base delle disposizioni contenute nell’ Annesso III (Parte-M), devono essere in possesso della Licenza di Manutentore Aeronautico, in almeno una delle seguenti categorie/sottocategorie:

Immagine 1

 

LA LICENZA DI MANUTENTORE AERONAUTICO. NOZIONI GENERALI

 

Conoscenze Teoriche Di Base

Per poter richiedere all’Autorità Competente (in Italia è ENAC, Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) il rilascio della Licenza di Manutentore Aeronautico, è necessario il superamento di tutti gli esami dei moduli previsti per ciascuna Categoria/Sottocategoria. La verifica delle conoscenze di base viene condotta da un’organizzazione di formazione debitamente approvata in conformità alla Parte 147 o dalla stessa Autorità Competente.

 

Accertamento Delle Conoscenze Teoriche

Tutti gli esami fondamentali teorici devono essere svolti avvalendosi del formato delle domande a risposta multipla e domande aperte.

Ogni domanda a risposta multipla ha 3 risposte alternative, di cui solo una è quella corretta. Il voto necessario per superare ciascun modulo della Parte 66 ed i sottomoduli a scelta multipla corrisponde al 75 %.

Le domande aperte richiedono la redazione di una risposta scritta; il candidato ha a disposizione 20 minuti per rispondere a ciascuna domanda. Il voto necessario per l’approvazione relativamente a ciascun quesito a risposta libera corrisponde al 75 %.

In caso di esito positivo, viene rilasciato, per ciascun modulo,  un Attestato di Superamento dell’esame(Certificate of Recognition); tali certificati dovranno essere presentati all’Autorità Competente al momento della richiesta di rilascio della licenza.

 

Addestramento Pratico

Ai fini del rilascio della LMA, la norma prevede lo svolgimento di attività pratiche di manutenzione. Il modulo pratico del corso deve consistere nell’ esecuzione di interventi rappresentativi di manutenzione e nella loro valutazione, e deve essere finalizzato a quanto segue:

a) assicurare, nel rispetto delle norme di sicurezza, Immagine 2013lo svolgimento della manutenzione, di ispezioni e di attività di routine in conformità al manuale della manutenzione, alle altre istruzioni ed alle altre attività attinenti, a seconda del tipo di aeromobile, quali, ad esempio: risoluzione di problemi, riparazioni, aggiustamenti, sostituzioni, assemblaggio e, se necessario, verifiche funzionali come il funzionamento del motore;

b) uso corretto di tutta la documentazione tecnica e della documentazione relativa all’aeromobile;

c) so corretto delle attrezzature specifiche/speciali e dell’equipaggiamento di prova, rimozione e sostituzione di componenti e di moduli specifici secondo il tipo di aeromobile, incluse eventuali attività di manutenzione sulle ali.

La durata dell’attività pratica è subordinata alla categoria/sottocategoria per la quale si intende conseguire la Licenza.

Le competenze e le conoscenze acquisite durante  l’attività pratica devono essere adeguatamente documentate e sono oggetto di esame finale.

 

Il Rilascio Della Licenza Di Manutentore Aeronautico

La domanda per il rilascio di una Licenza di Manutenzione Aeronautica (o di eventuali modifiche a tale licenza) deve essere effettuata tramite l’apposito modulo, il Form 19 AESA e sottoposta all’Autorità Competente, secondo le modalità da questa stabilite.

La domanda dev’essere accompagnata da:

a) un Documento d’Identità;

b) gli Attestati di superamento degli esami relativi a ciascun modulo (Certificate of Recognition);

c) le registrazioni di tutte le  attività pratiche di manutenzione svolte nei tempi e nei modi previsti dalla normativa.

All’atto del ricevimento del Modulo 19 AESA e della documentazione, l’Autorità Competente ne verifica la completezza  e garantire che il livello di esperienza dichiarato sia conforme ai requisiti della presente parte. L’Autorità Competente  verifica, inoltre, lo stato degli esami del richiedente e/o confermare la validità dei crediti per accertarsi che tutti gli esami dei moduli prescritti  siano stati sostenuti come da normativa.

Una volta accertato che gli standard di competenza e di esperienza del richiedente sono conformi, l’Autorità Competente rilascia la relativa Licenza di Manutenzione Aeronautica. 

 
SITO WEB :  Http://Sancarlo66.It/
REFERENTE: Prof. Alberto Ceron
CONTATTI: Part66@Istitutosancarlo.It

 

 

DIVENTARE ASSISTENTE DI VOLO

 Gli Assistenti di Volo sono membri dell’equipaggio, diversi dall’equipaggio di condotta, che svolgono, a bordo degli aeromobili impiegati nel servizio di Trasporto Pubblico Passeggeri, funzioni legate alla sicurezza dei passeggeri stessi, assegnategli dall’operatore o dal comandante, nella cabina dell’aeromobile. Si parla perciò tecnicamente di “Equipaggio di cabina” (OPS 1.988 Annesso III al Regolamento CE 3922/1991_sottoparte “O”).

 

REQUISITI MINIMI RICHIESTI

La normativa europea richiede i seguenti requisiti per ciascun membro dell’equipaggio:

  1. Età minima di 18 anni;
  2. certificazione medica periodica allo scopo di verificare l’idoneità fisica all’esercizio delle mansioni;
  3. completamento con profitto di un corso di formazione iniziale;
  4. essere titolare di un Attestato di formazione in materia di Sicurezza al termine del corso;
  5. aver completato un addestramento di conversione e/o sulle differenze;
  6. svolgere un addestramento periodico.

 

Attestato Di Formazione In Materia Di Sicurezza (AFS)

L’Attestato di Formazione di Sicurezza (AFS) sancisce il possesso dell’insieme di conoscenze teoriche e pratiche richieste ai membri di equipaggio di cabina per esercitare le funzioni di sicurezza a bordo degli aeromobili, e abilita a svolgere la funzione di membro di equipaggio di cabina nel trasporto pubblico(Art.1 Reg. ENAC in materia di AFS). Nello specifico, il corso concerne le seguenti materie:

  1. Addestramento relativo all’incendio e al fumo
  2. Addestramento relativo alla sopravvivenza in acqua
  3. Addestramento relativo alla sopravvivenza
  4. Aspetti medici e pronto soccorso
  5. Assistenza ai passeggeri
  6. Comunicazione
  7. Disciplina e Responsabilità
  8. Gestione delle risorse e dell’equipaggio

L’Attestato viene rilasciato a conclusione del corso teorico-pratico erogato a cura di un Operatore o di Centro di formazione autorizzato dall’Autorità Competente (in Italia ENAC, Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), che deve approvare anche il programma e la struttura dei corsi.

La valutazione finale delle conoscenzeImmagine 2015 acquisite avviene attraverso un esame teorico sottoforma di questionario a risposta multipla e una prova pratica volta a verificare “le capacità del candidato ad assicurare in maniera rapida ed efficace, la sicurezza dei passeggeri(…)”. Per poter essere ammesso alla prova pratica, il candidato dev’essere in possesso del certificato di superamento della prova teorica in corso di validità.

A seguito del superamento delle prove, l’Autorità Competente o, se autorizzato da quest’ultima, l’Operatore o il Centro di formazione rilascia al candidato l’Attestato di Formazione per la Sicurezza; tale documento non ha scadenza e consente l’esercizio della professione di Membro di Equipaggio di Cabina in Italia e negli altri Paesi dell’Unione Europea.

 

Addestramento Di Conversione E Sulle Differenze

Immagine 2014Durante l’addestramento di conversione e sulle differenze  viene impartito l’insegnamento sull’ ubicazione, la rimozione e l’uso di tutti gli equipaggiamenti di sicurezza e di sopravvivenza che si trovano a bordo del velivolo, nonché su tutte le procedure normalie d’emergenza relative al tipo, variante e configurazione del velivolo da impiegare. Nello specifico:

  1. Addestramento relativo all’incendio e al fumo
  2.  Azionamento di porte e uscite
  3. Addestramento sugli scivoli di evacuazione (evacuation slide)
  4. Procedure di evacuazione e altri casi d’emergenza
  5. Controllo della folla
  6. Sopravvenuta inabilità di un pilota
  7. Equipaggiamento di sicurezza
  8. Istruzioni ai passeggeri/dimostrazioni di sicurezza
  9. Prevenzione malattie infettive (qualora l’estensione o la modifica della rete delle tratte dell’Operatore porti ad includere zone con climi tropicali o subtropicali);
  10. Gestione delle risorse dell’equipaggio.

Il programma del corso teorico-pratico predisposto dall’Operatore e la struttura del corso sono soggetti all’approvazione preliminare dell’Autorità.

A seguito dell’addestramento di conversione, sono previsti dei voli di “Familiarizzazione” prima di entrare a far parte dello staff di equipaggio.

Addestramento Periodico

L’Operatore assicura che ciascun membro d’equipaggio di cabina segua un addestramento periodico che contempli i compiti assegnati ad ogni membro d’equipaggio di cabina nel quadro delle procedure normali o d’emergenza e le esercitazioni attinenti al tipo e/o alla variante di velivolo su cui opera (…) ” (OPS 1.1015 Annesso III al Regolamento CE 3922/1991_ sottoparte “O”).

Il programma dell’addestramento periodico, che si costituisce di una parte teorica e di una parte pratica e comprende una istruzione individuale, dev’essere approvato dall’Autorità.

METTI LE ALI AL TUO FUTURO!

La Società Istituto Scolastico “S. Carlo” s.r.l. nasce nel 1992 da un gruppo di insegnanti che hanno deciso di fondere le loro esperienze pregresse nella scuola pubblica e che  hanno portato l’Istituto a crescere gradualmente, andando così a consolidare una esperienza ad oggi ventennale.

  1. 1
    Liceo Linguistico

    Il Liceo Linguistico ha lo scopo di educare alle competenze fondamentali di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali e per favorire la cittadinanza attiva, l’inclusione sociale e l’occupazione.

    Nell’ottica di realizzare tali obiettivi, come delineati dalla Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa alle competenze chiave per l’apprendimento permanente (Bruxelles, 10.11.2005), si ritiene, pertanto, prioritario lo sviluppo delle competenze sociali,interpersonali ed interculturali.

    Queste competenze riguardano tutte le forme di comportamento che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa, in particolare alla vita in società sempre più diversificate e multi-razziali.

  2. 2
    Istituto tecnico trasporti & logistica

    L’indirizzo di studio  “Trasporti e Logistica” mira a sviluppare nello studente competenze tecniche specifiche e metodi di lavoro funzionali allo svolgimento delle attività inerenti la progettazione, la realizzazione, il mantenimento in efficienza dei mezzi e degli impianti relativi. La finalità è quella di maturare una cultura sistemica e la capacità di attivarsi in ciascuno dei segmenti operativi del settore in cui lo studente è orientato e di quelli collaterali.

  3. 3
    Conduzione del mezzo aereo

    L’articolazione “CONDUZIONE DEL MEZZO AEREO” ha per oggetto l’approfondimento delle problematiche relative alla conduzione ed all’esercizio del mezzo di trasporto aereo ed si rivolge ai giovani che progettano di impegnarsi professionalmente nel settore del trasporto aereo come piloti civili o militari o controllori del traffico aereo.

  4. 4
    Costruzione del mezzo aereo

    L’articolazione “COSTRUZIONE DEL MEZZO AEREO” ha per oggetto la costruzione, manutenzione e l’acquisizione delle professionalità nel campo delle certificazioni di idoneità all’impiego del mezzo di trasporto aereo ed è rivolta principalmente ai giovani che progettano di impegnarsi professionalmente nel settore del trasporto aereo come costruttori o manutentori di aeromobili.

ULTIME NEWS